Cerca nel sito

Motore di ricerca del sito

Menu di navigazione

Calendario degli eventi

Salta il calendario degli eventi
Calendario
ottobreá 2018
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
01 02 03 04 05 06 07
08 09 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31 01 02 03 04

Bagni San Filippo

Bagni San Filippo

Scendendo da Campiglia d’Orcia verso Bagni San Filippo si trova la Grotta di San Filippo Benizi, frate servita che secondo la tradizione si rifugi˛ in questi luoghi per sfuggire all’elezione pontificia nel 1267. La grotta, meta di pellegrinaggi, Ŕ scavata in un grande blocco di pietra calcarea.

All’ingresso del centro abitato, una strada bianca sulla sinistra conduce al “Fosso Bianco”, un torrente immerso nel bosco, dove confluiscono diverse sorgenti di acqua calda in un susseguirsi di “pozze” a modo di piscine naturali. Lungo il percorso, da attraversare a piedi,Ŕ possibile ammirare le particolari formazioni calcaree che per le suggestive forme hanno ispirato diversi nomi come la balena bianca o il ghiacciaio.

Le acque termali di San Filippo, note fin dal periodo romano, posseggono diverse caratteristiche idrologiche usate a scopo terapeutico. I Bagni sono stati frequentati da illustri personaggi nel corso dei secoli, in particolare dai rappresentanti della famiglia fiorentina dei Medici: Leonardo il Magnifico, Cosimo I che ristruttur˛ le terme nel 1566 e poi nel Seicento il Granduca Ferdinando II.

Nel Settecento l’architetto chiancianese Leonardo De Vegni, che progetto anche la chiesa, promosse a Bagni San Filippo la cosiddetta “plastica dei tartari”: la nota tecnica mediante la quale si ottenevano bassorilievi ornamentali sfruttando i depositi calcarei delle acque termali del luogo.

L’antica chiesa di San Filippo, d’impianto gotico, oggi non esiste pi¨, essa si trovava alla sommitÓ del paese e fu abbandonata a causa dei problemi di umiditÓ derivanti dalle vicine sorgenti di acqua sulfurea. Utilizzando le stesse pietre dell’antica San Filippo fu riedificata la nuova costruzione che si trova al centro del borgo e ospita all’interno tre statue in stucco raffiguranti San Filippo Neri, San Filippo Apostolo e San Filippo Benizzi. Sull’architrave dell’ingresso vi Ŕ l’iscrizione "IN ANNO DNI MIII LXXXIII" e in mezzo si pu˛ vedere un piccolo scudo creduto lo stemma di uno dei Visconti, antichi Signori di Campiglia, sicuramente parte della chiesa originaria di San Filippo.



Menu dei collegamenti di utilitÓ